superficie metallica con trattamento antiattrito

Trattamenti contro l’attrito Nicasil li effettua su misura

Riduzione significativa dell usura con le moderne tecnologie antiattrito

Al pari di altre forze fisiche, anche l’attrito ha i suoi pro e contro quando si parla delle conseguenze che determina sulla vita di tutti i giorni. Senza di esso, tanto per citare qualche banale esempio, le ruote di un’automobile non farebbero fare presa sulla strada, non si riuscirebbe a scrivere con una penna a sfera per via della mancanza di attrito con la carta e nemmeno si potrebbe camminare: per questi, e infiniti altri motivi, tale forza risulta fondamentale.
Ma l’attrito, si sa, ha anche degli effetti negativi quando si parla di tutti quei fenomeni che hanno a che fare con la dissipazione energetica: un esempio classico è quello dei meccanismi di una macchina (es. pistoni, ingranaggi) che, a causa dell’attrito reciproco, disperdono preziosa energia. Per non parlare poi del calore generato dallo strofinamento delle superfici, che può essere estremamente dannoso per i materiali.

Qualsiasi componente meccanica abbia bisogno di essere sottoposta a un trattamento contro l’attrito e i suoi effetti deleteri potrà essere affidata alle mani esperte di Nicasil, realtà emiliana che di galvanica e trattamenti su metalli di ogni tipo di occupa da più di quarant’anni.

Scopri sul sito web le specializzazioni dell’azienda – certificata ISO 9001 – alla sezione “Trattamenti” oppure contatta direttamente lo staff al numero 0521.272883 o tramite e-mail a info(at)nicasil.it. Gli esperti Nicasil sono a disposizione per informazioni e preventivi.

struttura chimica del nichel

I trattamenti termici necessitano di un’accurata pianificazione

Intensità del calore e tempi di lavoro sono i parametri fondamentali

Mediante la nichelatura è possibile rivestire i metalli di un resistente e solido strato protettivo, che protegge i manufatti dai rischi legati alla corrosione e perciò ne prolunga la durata nel tempo. Già di per sé questo trattamento ha un’efficacia considerevole, ma è possibile potenziarne ulteriormente i benefici sottoponendo l’oggetto in questione a un successivo trattamento di tipo termico.
L’intenso calore determina significativi cambiamenti sia a livello di proprietà che di configurazione molecolare dei depositi di nichel. Attraverso esami con raggi X è possibile evidenziare differenze in termini di struttura cristallina: mentre allo stadio iniziale lo strato protettivo è formato da α-nichel, caratterizzato da una forma cristallina esagonale, in seguito al trattamento si può osservare invece una struttura cubica a facce centrate detta β-nichel.
Quest’ultima forma cristallina è più resistente e compatta, al punto che in seguito ai trattamenti termici è possibile osservare un raddoppiamento della durezza del nichel chimico ma anche una maggior resistenza all’usura e alla corrosione.
È importante sottolineare che la buona riuscita del trattamento è fortemente influenzata dal modo in cui il metallo viene sottoposto al calore. I due parametri fondamentali coinvolti nel trattamento, tempo e temperatura, sono infatti legati da un rapporto di proporzionalità inversa: occorre meno tempo se il calore è più intenso, e viceversa.
Tuttavia bisogna tenere presente che il metallo di cui è costituito il manufatto potrebbe deformarsi se le temperature fossero troppo elevate, ed è per questo motivo che il trattamento termico va correttamente pianificato e condotto. Nicasil è un’azienda che in queste lavorazioni vanta una grande esperienza: contatta gli esperti allo 0521.272883 se desideri che i tuoi prodotti siano in buone mani.

Catena e bullone arrugginiti

I trattamenti contro la corrosione sono investimenti che ripagano sempre

La degradazione dei metalli ha enormi impatti economici su scala globale

Potranno anche avere un aspetto solido e resistente ma, di fronte a un nemico che li attacca in modo lento ma inesorabile, quasi tutti i metalli prima o poi cadono vittime della corrosione.
Questo processo di degradazione ha enormi ripercussioni dal punto di vista economico: ogni anno, secondo quanto riportato dalle più recenti statistiche, in Europa i costi legati alla corrosione dei metalli sono pari a circa 200 miliardi di euro mentre oltreoceano gli USA devono fronteggiare impatti economici quantificati in 270 miliardi di dollari. Complessivamente, si stima che su scala globale la corrosione costi la cifra astronomica di 1000 miliardi di dollari (fonti: NACE.org; NanoWerk.com).
Inutile sottolineare che, data l’entità dei danni causati dalla corrosione, la ricerca è oggi impegnata assiduamente nella ricerca di soluzioni sempre più nuove ed efficienti per prevenirla. Ad esempio in questi anni è sulla cresta dell’onda la sperimentazione che ruota intorno al grafene, promettente materiale creato in laboratorio che, applicato come strato protettivo di spessore monoatomico sulle superfici in metallo, assicura ai materiali una lunga durata nel tempo e una resistenza fino a 100 volte superiore alla corrosione.
Peccato che però il grafene sia un materiale estremamente costoso e che attualmente non è prevedibile un suo utilizzo industriale su larga scala: per questo motivo, nell’immediato – e, con tutta probabilità, anche negli anni a venire – le aziende dovranno rivolgersi ad altre soluzioni.
I trattamenti contro la corrosione che Nicasil mette a disposizione dei suoi clienti, basati sulle più moderne conoscenze nel settore della galvanica, garantiscono benefici tangibili ai manufatti in metallo. Scopri la qualità delle lavorazioni su misura effettuate dall’azienda di Parma visitando la sezione “Trattamenti” del sito web oppure contattando lo 0521.272883.

Componenti metallici con trattamento antiattrito

L’attrito è un problema? Scopri i trattamenti Nicasil

Le tecnologie impiegate dall’azienda di Parma conferiscono proprietà antiattrito

L’attrito è una forza che si genera a causa del contatto tra due superfici. La fisica classica ci insegna che esistono tre principali tipologie di attrito: quello radente che caratterizza due corpi a contatto le cui superfici si muovono scorrendo l’una sull’altra (es. una scatola trascinata sul pavimento), quello volvente che si verifica in concomitanza di un moto rotatorio (es. le ruote di un’auto sulla strada) e quello viscoso che invece è tipico dei fluidi (es. una nave o un nuotatore nell’acqua).
L’attrito è una componente fondamentale per la nostra esistenza, ma quando ce n’è troppo possono verificarsi dei problemi. Basti ad esempio pensare ai motori, che possono perdere progressivamente parte della loro energia rotazionale a causa dell’attrito che si verifica tra le componenti metalliche.
A lungo andare ciò può causare una diminuzione dell’efficienza e delle performance del propulsore, le cui conseguenze immediate sono consumi più elevati, senza dimenticare la minor vita utile del motore stesso.
Le parti metalliche che necessitano di un basso coefficiente di attrito possono essere affidate agli esperti di Nicasil srl, azienda di Parma che nel settore dei trattamenti antiattrito vanta un’esperienza pluridecennale. Nicasil, avvalendosi dei migliori lubrificanti oggi a disposizione, esegue trattamenti su misura per il cliente offrendo tempistiche brevi di lavorazione e la massima possibilità di personalizzazione, il tutto con la garanzia che solo un’azienda certificata ISO 9001 può offrire.

Componenti metallici con trattamento al nichel

Nichel chimico: come viene applicato e quali sono i vantaggi

Con Nicasil la garanzia di un lavoro ben fatto

Secondo il Nickel Institute, associazione che riunisce i principali produttori di nichel del mondo – responsabili dell’85% della produzione globale annua al di fuori della Cina – ogni anno si assiste a una crescita della domanda di questo metallo su scala globale pari al 4% circa.
Una enorme varietà di oggetti che ci circondano contiene nichel: dai dispositivi elettronici alle attrezzature per la preparazione dei cibi, dalle componenti dei motori alle apparecchiature medicali, e la lista potrebbe andare avanti ancora a lungo. Il motivo per cui questo metallo viene apprezzato come componente delle leghe è che offre una maggiore resistenza alla corrosione e agli estremi di temperatura, oltre a una elevata durezza superficiale.
Per le medesime ragioni il nichel è anche utilizzato per rivestire manufatti in metallo (tipicamente, l’acciaio) allo scopo di impedire che la corrosione li deteriori e per assicurare loro una lunga durata nel tempo. Al tempo stesso la presenza di questo strato di copertura offre il vantaggio di una finitura esteticamente gradevole del manufatto, che apparirà così lucido e brillante.
Ma come si esegue la deposizione del nichel chimico sugli oggetti di metallo? Vi sono diverse tecniche, alcune che si basano sul passaggio di una corrente elettrica che fa depositare il materiale mentre altre che funzionano mediante procedimenti autocatalitici. Specialista nel settore e punto di riferimento per i processi di nichelatura è Nicasil srl, azienda di Parma apprezzata per la qualità e l’accuratezza delle sue lavorazioni.

La micropallinatura, una tecnologia moderna dalle radici antiche

Il trattamento conferisce ai metalli solidità e durata nel tempo

Sin dall’età del Bronzo gli artigiani che lavoravano i metalli hanno sempre saputo che il martellamento rinforza il materiale e, millenni dopo, lo stesso principio di base continua ad essere applicato a livello industriale (anche se, naturalmente, con modalità diverse).
Mentre in passato erano martello e incudine ad essere faticosamente impiegati per battere e ribattere il metallo, oggi le tecnologie a disposizione sono rappresentate dalla pallinatura o micropallinatura. Il pezzo da lavorare viene bombardato con una graniglia – anch’essa metallica – a cui è impressa una elevata velocità e ognuno di questi oggetti simili a proiettili, andando a impattare sulla superficie del manufatto, determina la formazione di una piccola rientranza simile a un’ammaccatura.
Anche se potrebbe sembrare contro intuitivo, tutti questi impatti considerati nel loro complesso non indeboliscono il metallo ma anzi lo rinforzano poiché le piccole ammaccature convertono la tensione interna, che potrebbe compromettere l’integrità del materiale, in stress compressivi che tengono invece unito il metallo.
È importante a questo proposito osservare che, grazie alla presenza di questo strato superficiale interessato da stress compressivo, viene ostacolata la formazione di crepe e di conseguenza all’oggetto viene assicurata una lunga durata.
Questo miglioramento delle caratteristiche dei metalli è apprezzato in ogni settore industriale, con particolare riferimento al settore aeronautico ed aerospaziale in cui praticamente ogni componente beneficia dei vantaggi di resistenza e durezza assicurati dalla micropallinatura.

Cerchione auto con trattamento di nichelatura chimica

Versatilità e lunga durata: Nipoly Process al top nella galvanica

Una nichelatura chimica di altissimo livello con Nicasil

Il rivestimento di manufatti e componenti di metallo che prende il nome di nichelatura è un trattamento che consente di estendere a oggetti di ogni tipo molte delle interessanti proprietà del nichel, tra cui in particolare la resistenza contro la corrosione, la brillantezza e la robustezza meccanica.
Uno dei migliori procedimenti per eseguire un lavoro qualitativamente ineccepibile è rappresentato dal cosiddetto “Niploy Process”, che consente di rivestire con uno strato di nichel a contenuto variabile di fosforo un oggetto metallico. Di tali lavorazioni è specialista Nicasil srl, azienda parmigiana con esperienza pluridecennale in ambito galvanico.
Dal punto di vista concettuale è estremamente importante, ai fini del risultato finale, che la nichelatura sia perfettamente uniforme su tutta la superficie dell’oggetto in questione, con particolare riferimento agli angoli e alle zone nascoste da cui in futuro, se non opportunamente trattati, potrebbero insediarsi processi corrosivi.
Indipendentemente dalle caratteristiche dell’oggetto, dalle sue dimensioni o dalla sua particolare geometria, il Niploy Process eseguito dai professionisti di Nicasil assicura ottimi risultati in termini di omogeneità della copertura e di spessore finale.
Una volta portato a termine il trattamento, calibrato tenendo conto delle esigenze del committente e delle caratteristiche del manufatto, il risultato garantito dal processo sarà l’aumento sensibile della durata di vita utile e una ottimale resistenza anche nelle condizioni più difficili – ad esempio, un impiego in ambienti deleteri per l’integrità dei metalli o in presenza di forte usura.

fase del trattamento termico

Grazie al trattamento termico i metalli acquisiscono robustezza

Temperature e tempi di trattamento devono essere calibrati in modo preciso

La nichelatura chimica eseguita allo scopo di rivestire i metalli di uno strato robusto e resistente alla corrosione è un tipo di trattamento molto apprezzato nell’ambito della galvanica che, in alcuni casi, non rappresenta un punto di arrivo bensì il primo step di una lavorazione più complessa.
Stiamo parlando del trattamento termico, che consiste nel sottoporre il manufatto rivestito di nichel a temperature molto elevate (diverse centinaia di gradi) allo scopo di innescare una reazione di indurimento del materiale. Di queste lavorazioni è esperta Nicasil, azienda certificata ISO 9001 che vanta una lunga casistica a riguardo.
Il nichel sottoposto a questo trattamento diventa più compatto, solido e stabile, aderendo con maggior efficacia al metallo sottostante; la sua durezza, nello specifico, passa grosso modo da 500 HV100 a 1000 HV100 grazie alla trasformazione da α a β-nichel.
Affinché il trattamento termico dia i suoi frutti è necessario calibrare i due principali parametri legati alla lavorazione: la temperatura (300÷400°C) e il tempo (1÷10 ore), legati da un rapporto di proporzionalità inversa. Tanto maggiori sono i gradi a cui viene condotto il trattamento, quanto minore sarà il tempo necessario per portarlo a termine.
Naturalmente le temperature a cui portare il manufatto devono tenere conto delle proprietà del metallo di base che, in alcuni casi, potrebbe non essere in grado di resistere al calore più intenso. Occorrerà dunque ridurre la temperatura del trattamento ma, così facendo, dovranno allungarsi i tempi di lavorazione: ed è proprio nella calibrazione precisa dei parametri che entrano in gioco il know how e l’esperienza maturata da Nicasil nei suoi decenni di attività nel settore.

macchina in panne

Non tutti i processi di nichelatura chimica sono uguali

USA, trattamenti di scarsa qualità impongono il richiamo di migliaia di auto

È notizia di pochi giorni fa che la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), ente governativo appartenente Dipartimento dei Trasporti americano che si occupa di sicurezza sulle strade, ha annunciato il richiamo di alcune migliaia di vetture prodotte da due importanti marchi automobilistici.

È stato infatti appurato che diversi esemplari di modelli prodotti da BMW e Nissan sono soggetti a spegnimenti improvvisi del motore a causa di un difetto di fabbricazione. Il difetto è causato nello specifico da alcuni componenti facenti parte della pompa del carburante, sottoposti a processi di nichelatura chimica di scarsa qualità.

In totale la BMW nordamericana ha ordinato, a partire dal 30 aprile 2015, il richiamo di oltre 18 mila veicoli tra cui alcuni popolari modelli di cabrio e coupé. La sostituzione dei pezzi incriminati, avverte l’azienda automobilistica, avverrà in modo completamente gratuito. Stessa sorte sta toccando al modello Nissan Rogue, riservato al mercato americano, di cui verranno richiamati oltre 76 mila esemplari prodotti tra giugno 2013 e giugno 2014.

Questa notizia dimostra che quando la nichelatura chimica viene eseguita in modo non impeccabile i problemi che ne possono derivare sono notevoli. Nissan e BMW non sono certo le ultime arrivate nel settore automobilistico, eppure hanno dovuto fare i conti con le conseguenze di tali lavorazioni sbagliate! Meglio quindi scegliere un partner di fiducia e di lunga esperienza, come ad esempio Nicasil, per i trattamenti di nichelatura chimica sui metalli.

nichelatura chimica - fase di immersione - foto 2

Trattamenti anticorrosione, le ultime novità dalla ricerca

Proteggere i metalli è fondamentale a livello pratico ed economico

Sebbene il loro aspetto sia solido e robusto, in realtà quando si parla di corrosione i metalli sono come dei giganti dai piedi di argilla. Essi infatti risultano vulnerabili nei confronti di agenti atmosferici e sostanze chimiche di varia natura e, se non vengono trattati con apposite metodiche atte a prevenire i fenomeni corrosivi, è solo questione di tempo prima che i manufatti metallici si degradino.
Un’azienda americana, la Modumetal, ha recentemente sperimentato un nuovo processo per prevenire la corrosione basato sull’imitazione dei fenomeni che avvengono in natura. Si tratta nello specifico della cosiddetta laminazione, che consiste nella deposizione di un sottile strato di materiale su un altro e che viene condotta a livello di nano particelle.
I metalli nanolaminati prodotti dall’azienda di Seattle si sono dimostrati particolarmente resistenti nei confronti della corrosione e dell’arrugginimento superficiale, e sono considerati rivoluzionari nel loro settore. Vi è però un problema, anzi due: innanzitutto i trattamenti sono piuttosto costosi, e inoltre non si sa quando (e se) saranno disponibili anche in Italia.
Nessun problema, però, per chi cerca nel nostro paese un trattamento anticorrosione di altissimo livello poiché l’azienda Nicasil srl di Parma è in grado di offrire a ogni cliente le risposte che cerca. Gli specialisti Nicasil si occupano da oltre quarant’anni di queste attività, e potendo contare su approfondite conoscenze tecniche e attrezzature moderne sono il punto di riferimento per l’effettuazione di trattamenti a 360° nell’ambito della galvanica.