Articoli

Combattere il deterioramento superficiale con il trattamento anticorrosione

Quando entrano in contatto con gli agenti atmosferici esterni e non vengono supportati da una attenta manutenzione i manufatti in metallo corrono il rischio di andare in contro a ruggine e corrosione. Per spiegarcene gli effetti la National Association of Corrosion Engineers ha recentemente analizzato gli impatti della corrosione effettuando uno studio sul tema dell’impatto della corrosione sulle economie statunitensi.

Sembrerà incredibile ma il risultato corrisponde a 276 miliardi di dollari, ossia 206 miliardi di euro che ogni anno gli USA sostengono come costo diretto per la perdita di produttività legata a questo problema. Un numero che è sbalorditivo se pensiamo che rappresenta il 3% del PIL e che i costi indiretti raggiungono addirittura i 550 miliardi di dollari, ossia precisamente il doppio.

Facile comprendere quanto il trattamento anticorrosione per i metalli rappresenti una soluzione valida: il metodo si basa sull’applicazione di un sigillante a base di petrolio che è in grado di inibire gli agenti aggressivi dal contatto col metallo base attraverso le porosità. Nicasil, leader nel settore a livello nazionale, da oltre 35 anni effettua trattamenti su misura che sono in  grado di proteggere i metalli.

La solidità esterna di un materiale, quindi, non corrisponde alla sua reale resistenza a proprio per questo la corrosione è un grave fenomeno che non può essere trascurato perché non coinvolge soltanto l’aspetto esteriore del manufatto ma tutte le sue caratteristiche strutturali. Proteggere il metallo è un compito primario, quindi.

I trattamenti superficiali per i metalli

La ditta Nicasil Srl è un’azienda che negli anni si è specializzata sempre più nei trattamenti superficiali per i metalli come leghe ferrose, di rame e d’alluminio. Queste lavorazioni sono utili per migliorare le caratteristiche naturali del materiale e nello specifico per quanto riguarda soprattutto la durezza e la resistenza ad agenti corrosivi.

La nichelatura chimica

L’azienda effettua questo trattamento a medio tenore di fosforo che consente di ottenere un deposito uniforme e aderente sulle superfici: particolarmente resistente alla corrosione ed all’usura, il materiale viene trattato con una lega nichel-fosforo ottenuta da un bagno autocatalitico.

La nichelatura chimica, idonea a proteggere tutti i metalli e le leghe, viene utilizzata soprattutto nel settore engineering dove vengono sfruttare le migliorate caratteristiche chimico-fisiche del materiale.

Il trattamento anticorrosione

Quello anticorrosione è il trattamento durante il quale viene depositato uno strato di nichel sigillato con un additivo  per migliorare la resistenza alla corrosione del metallo e abbassare il coefficiente di attrito. Durante il trattamento anticorrosione si applica un sigillante che inibisce dunque l’intervento degli agenti aggressivi. Il sigillante anticorrosione è a base di petrolio.

Il trattamento termico

L’elevata temperatura necessaria durante questo trattamento consente allo strato di nichel chimico di compattare lo strato finale e renderlo più aderente e duro dal punto di vista superficiale (circa 500 HV100). Lo strato deposto dispone di un reticolo cristallino α-nichel che, dopo il trattamento termico, diventa β-nichel (con una composizione più stabile e una maggiore durezza superficiale (circa 1000 HV100).