Nichel chimico, vantaggi e applicazioni

Il nichel fa parte della nostra vita più di quanto possiate immaginare

I principali produttori di nichel del mondo sono strutturati in una associazione che si chiama Nickel Institute: gli studi dell’istituto hanno permesso di evidenziare che la domanda di questo metallo è in continua crescita su scala globale tanto da registrare un aumento di circa il 4%.

Sono tantissimi gli oggetti che ci circondano e che utilizziamo in modo quotidiano che contengono nichel: i componenti dei motori, le attrezzature per la preparazione dei cibi, le apparecchiature medicali e i dispositivi elettronici sono soltanto alcuni di questi. Il nichel viene così apprezzato come componente delle leghe perché questo materiale ha una durezza superficiale molto elevata ed è anche l’unico che riesce ad offrire una resistenza alla corrosione tanto alta come anche una resistenza agli estremi di temperatura.
Anche quando si ha la necessità di rivestire manufatti in metallo il nichel si rivela una scelta eccellente perché è in grado di assicurare una lunga durata nel tempo dell’oggetto aggiungendo anche il vantaggio di ottenere una finitura gradevole dal punto di vista estetico. La corrosione non deteriora il manufatto, quindi, che rimane lucido e brillante.
Il nichel è un materiale nobile che lavora come un impermeabile per far sì che gli agenti corrosivi non riescano a raggiungere il materiale ferroso di base. Il processo di nichelatura è via via migliorato nel tempo e oggi il nichel chimico ha proprio un colore brillante e riflettente, ecco perché il trattamento superficiale viene scelto anche per rendere esteticamente belle alcune leghe di rame e di alluminio, tra le altre.
Questo trattamento superficiale di deposizione del nichel chimico sugli oggetti di metallo può avvenire secondo diverse tecniche, alcune sfruttano il passaggio di una corrente elettrica che fa depositare il materiale, altre si servono di procedimenti autocatalitici.
Pallinatura superfici: fase di lavorazione

La pallinatura offre impareggiabili vantaggi ai metalli

Scopriamo di più sul trattamento, fra principi e applicazioni

Grazie ai trattamenti di micropallinatura, o semplicemente pallinatura, è possibile incrementare la durata della vita utile di molti diversi tipi di manufatti in metallo e, al tempo stesso, anche migliorarne l’aspetto esteriore. In che modo? Esaminiamo i principi di base del trattamento.

Si potrebbe fare un’analogia paragonando la pallinatura alla verniciatura a spruzzo, con la differenza che invece del liquido colorato viene direzionato verso l’oggetto da trattare un flusso di minuscoli oggetti di forma sferica.

Questi piccoli “proiettili” acquisiscono grandi quantità di energia cinetica attraverso l’aria compressa prodotta da un macchinario e, una volta raggiunta la superficie da trattare, la rilasciano esercitando sul metallo un’azione abrasiva: è così che il manufatto viene, innanzitutto, pulito accuratamente.

Ma ciascun singolo pallino metallico (o di altro materiale, a seconda dello specifico tipo di lavorazione) si comporta anche come se fosse un piccolo martello, che agisce comprimendo la zona superficiale contro cui va a cozzare. In questo modo si creano tensioni superficiali sul metallo, che beneficerà di una maggiore resistenza meccanica.

La pallinatura è quindi apprezzata perché conferisce una maggior robustezza ai manufatti e, al tempo stesso, determina uno stato di stress residuale che impedisce la formazione di discontinuità (a causa di urti oppure usura) e la propagazione di crepe nel materiale.
Rivolgiti a Nicasil per sottoporre a trattamenti di micropallinatura i tuoi metalli!