nichelatura chimica - fase di immersione - foto 2

Nichelatura chimica: perché scegliere trattamenti che non impiegano elettricità.

Se fino a pochi decenni fa la nichelatura era esclusivamente praticata tramite l’utilizzo di elettricità, negli ultimi anni la nichelatura chimica si è imposta come la principale tecnica di fosfatazione delle leghe metalliche. Rispetto alla nichelatura elettrolitica c’è un vantaggio chiave: la copertura totale del materiale trattato con il nichel, anche negli anfratti altrimenti irraggiungibili. In questo modo diventa possibile trattare anche componenti delicate e complesse, garantendo risultati sempre ottimali.

Trattamento di componenti delicate.

Andare a coprire ogni anfratto, creando un rivestimento omogeneo, come è reso appunto possibile dalla nichelatura chimica, è sicuramente cruciale per l’industria tradizionale ma non solo: apre le porte al trattamento di componenti particolari e delicate come quelle in uso nell’industria informatica. Essendo un trattamento privo di stress viene infatti impiegato per realizzare i dischi rigidi e i circuiti, parti essenziali di ogni computer o strumento elettronico.

Trattamento di componenti complesse.

Se la parte da trattare è complessa, come nel caso di componenti utilizzate nell’industria automotive ma anche strumenti misti che andranno a ospitare parti elettriche, è importante garantire l’omogeneità del trattamento. Si pensi a un albero di trasmissione o a una valvola per l’estrazione del petrolio: lo stress a cui sono sottoposti questi oggetti è notevole e il rischio di corrosione o danni meccanici è tale da comprometterne il funzionamento. In casi come questi si procede sempre per nichelatura chimica.

Per ogni esigenza e scoprire il trattamento migliore per le tue esigenze, contattaci. I nostri esperti sono a tua disposizione.